top of page
  • Immagine del redattoreomeobio

COME CURARE LE CERVICALGIE E DORSALGIE

acquista ora -->www.farmaciagoso.it

COME CURARE LE CERVICALGIE E LE DORSALGIE


Non sempre in caso di cervicalgie si evidenziano segni radiografici di artrosi anche se il paziente lamenta : tensione ai muscoli del collo, dolore in sede occipitale, vertigini, senso di confusione mentale, nausea, impotenza funzionale del collo. Spesso quindi la sintomatologia è causata o da un deficit di irrorazione sanguigna (nell’anziano) o da una mialgia il più delle volte di origine psicosomatica (nel giovane). Una grossa fetta di cervicalgie sono dovute a somatizzazione d’ansia e quindi oltre ai rimedi classici per le cervicartrosi occorre trattare anche l’ansia. Il dolore cervicale è praticamente un irrigidimento dei muscoli di collo e spalle nello “sforzo di adattarsi” alle richieste provenienti dall’ambiente esterno. Trovo veramente assurdo imbottirsi di farmaci anti-infiammatori nel tentativo di far passare il dolore !!!Per tali motivi dobbiamo imparare a leggere nelle diverse posture del collo rilevate sia all’esame obbiettivo che con la radiologia il risvolto psico-caratteriale del paziente che abbiamo di fronte che ci sarà di grande aiuto nella scelta del rimedio di fondo (simillimum). Possiamo trovarci di fronte ad un “collo dritto” per la scomparsa delle curve fisiologiche con testa allontanata dal corpo nel tentativo di tener lontane le emozioni in un individuo che si presenta rigido e con emozioni controllate. Nel “collo paradosso” caratterizzato dall’inversione della curvatura cervicale troviamo individui sempre ostinati a fare tutto al contrario con comportamenti paradossali tipici del “bastiancontrario”. Il paziente “senza collo” per l’iperlordosi cervicale con riduzione degli spazi intervertebrali è concreto, ma schiavo e schiacciato dalle responsabilità. Il cosiddetto “collo in avanti” in cui le vertebre superiori si rettilinizzano e quelle inferiori si curvano caratterizzano un individuo sempre di corsa verso il domani che soffre di ansia da anticipazione. Nel “collo inclinato” le vertebre sono inclinate verso un lato come se il paziente in causa fosse soddisfatto soltanto da un lato della vita : quello razionale-logico o quello irrazionale-istintivo. Il “collo ruotato” è caratterizzato dalla parziale torsione di due o più vertebre nel tentativo di controllare tutte le situazioni e denota un individuo diplomatico che vuole tenere rapporti validi con tutti. Fatto un primo inquadramento generale della postura del nostro paziente affetto da cervicalgia che ci servirà come abbiamo detto sopra per la ricerca del rimedio di fondo, prendiamo ora in considerazione i rimedi omeopatici più specifici per le varie localizzazioni e le varie modalità che hanno importanza sul sintomo. Ricordiamoci infatti che il paziente che abbiamo di fronte soffre di un dolore e vuole una risposta possibilmente in tempi ragionevoli.


I rimedi omeopatici sintomatici più utilizzati nelle cervicalgie sono : ACTAEA RACEMOSA => rigidità da contrattura muscolare, aggravamento col freddo, scatenata da problemi di postura (lavori sedentari), peggiorata dalle mestruazioni, alternanza fra problemi fisici e psichici. LACHNANTES TINCTORIA => torcicollo da contrattura muscolare, testa piegata verso il lato contratto, migliora col calore ed a riposo. Nel caso di cervico-brachialgie, oltre ai capisaldi RHUS TOX che migliora col movimento e BRYONIA che migliora col riposo assoluto, MAGNESIA PHOSPH. => dolori acuti e intollerabili con inizio e fine improvvisi, parestesie, aggravati dal freddo. Rientra fra questi il “crampo dello scrivano”. ARSENICUM ALBUM => bruciori migliorati da applicazioni calde, aggravati di notte (h. 1-3), soggetto agitato e astenico. KALMIA => dolore violento che segue il tragitto d’un nervo, aggravato dal movimento ed intorno a mezzanotte. ARANEA DIADEMA => sensazione di intorpidimento e di aumento di volume dell’arto superiore, dopo esposizione a freddo umido, aggravato di notte. Utile nelle parestesie delle braccia che provocano risvegli notturni. PLUMBUM => tendenza alla paralisi, migliora con la pressione, aggrava di sera e di notte, elettivo per il nervo radiale. Se la patologia dolorosa è a carico della colonna dorsale si possono utilizzare : PHOSPHORUS => dorso curvo con ipersensibilità delle apofisi spinose dorsali, bruciore lungo il rachide dorsale e fra le scapole, migliora col calore ed il movimento. RANUNCULUS => dolore fra D5 e D8, nevralgie intercostali, migliora sedendosi e piegandosi in avanti. -


1)—> QUESTI RIMEDI VANNO SOMMINISTRATI ALL’ OCCORRENZA

Dosi uniche alla 30 K 100 K MK MK al mattino a digiuno per tre giorni consecutivi fino a miglioramento. DOVETE SCEGLIERE IL RIMEDIO CHE RITENETE PIU “SIMILE” AL VOSTRO DOLORE ! NEL KIT METTIAMO ( se non date differente indicazione ) 4 dosi di Actea Racemosa e 4 dosi di Lachanantes Tintoria

Per quanto riguarda la FITOGEMMOTERAPIA non esistono rimedi specifici per le patologie del rachide cervico-dorsale per cui si ricorre agli stessi caposaldi della terapia per l’artrosi in generale. Il più utilizzato e famoso è l’HARPAGOPHYTUM PROCUMBENS o Artiglio del diavolo in T.M. che ha un’azione antiflogistica e antidolorifica.Ricordare che è un complesso amaro ed è quindi controindicato nell’ulcera peptica. SPIRAEA ULMARIA e SALIX ALBA sempre in T.M. vengono invece utilizzate per la loro componente di salicilati ed agiscono come antiflogistici. PINUS MONTANA M.G. è il gemmoderivato più usato nella terapia dell’artrosi e dei reumatismi cronici, ad esso viene spesso associato RIBES NIGRUM M.G. per le spiccate caratteristiche antiflogistiche.

2)—>ABBIAMO PREPARATO UN FLACONE DA 100 ML CON QUESTI COMPONENTI DA UTILIZZARE NELLA FASE ACUTA CON 50 GOCCE TRE VOLTE AL GIORNO A STOMACO PIENO. E continuare per un mese con 50 gocce dopo colazione.


Secondo il discorso OLIGOTERAPICO l’ Artrosi è tipicamente un quadro patologico inquadrabile nella 3° Diatesi di Ménétrier o Distonica e quindi ha come rimedio diatesico il MANGANESECOBALTO. Come abbiamo però detto in precedenza non tutte le Cervico-dorsalgie sono di natura artrosica, ma spesso prevale la componente muscolo-tensiva. In questi casi se il dolore compare al mattino e migliora col movimento rientra nel quadro della 1° Diatesi e riconosce come rimedio di fondo il MANGANESE, se invece il dolore compare durante la giornata in soggetti che si stancano con facilità rientra nel quadro della 2° Diatesi ed ha come rimedio di fondo il MANGANESERAME.

3)—> SI UTILIZZA UNA FIALA DI OLIGOELEMENTO AL GIORNO PER CINQUE GIORNI CONSECUTIVI

Tornando al nostro discorso iniziale, in cui si sottolineava l’importanza della componente psicocaratteriale in relazione con la patologia algica cervicale, rimedi di una certa importanza possono diventare i FIORI DI BACH per la loro capacità di agire sui disordini della componente emotivoemozionale del soggetto ristabilendone l’equilibrio psichico che si traduce in una risoluzione del quadro fisico corrispondente. Per quanto riguarda le cervicalgie i rimedi più utilizzabili sono : BEECH (Faggio) => soggetti con rigidità di giudizio, ipercritici, con progressiva difficoltà a ruotare la testa. ELM (Olmo) => soggetto sopraffatto dalle responsabilità, troppo peso sulle spalle. OAK (Quercia) => lottatore malgrado le difficoltà, forte senso del dovere.

4)—-> Sette gocce tre volte al giorno lontano dai pasti per un mese


COSA CONSIGLIAMO DI FARE ?


QUINDI FINO A MIGLIORAMENTO DEI SINTOMI dai 5 ai 7 giorni UTILIZZARE TUTTI I RIMEDI INDICATI NEI QUATTRO PUNTI poi continuare per un mese ( per evitare recidive ) il flacone di fitoterapia 50 gocce al mattino e i FIORI di BACH.

Kit/020 CERVICALGIE E DORSALGIE

acquista ora dalla farmacia Goso ----> www.farmaciagoso.it

Kit/020 Cervi algie e dorsalgie contiene


1)RIMEDIO SINTOMATICI

Actaea r. + Lachnantes t.

Oppure 2 rimedi a scelta tra

Bryonia a.

Magnesia p.

Arsenicum a.

Kalmia l.

Aranea d.

Plumbum m.

Phosphorus

Ranuncolus b.

Actaea r.

Lachnantes t.

Una dose unica da 30k una da 100K, una da 200K ed una da MK

una dose del primo al mattino ed una dose del secondo alla sera: assumere la dose del rimedio scelto sublinguale a digiuno

2) FITOTERAPICO in Gocce flacone che contiene

Harpago TM

Spirea TM

Salix TM

Ribes TM

Pinus MG

aa 50 gtt 3 volte al dì a stomaco pieno sciolte in poca acqua.

flacone da 100 ml

3) OLIGOELEMENTI

Manganese

Oppure

Manganese e Rame

2 ml una volta al dì per 5 giorni alla settimana sciolte in poca acqua.

4 ) FIORI DI BACH

Beec

Elm

Oak aa

sette gocce tre volte al dì per un mese

1 flacone da 30 ml

Importo del Kit compreso spedizione € 88,00

ORDINA QUI www.farmaciagoso.it





1.161 visualizzazioni

Comments


Ancora 1
bottom of page